Ansa

Siulp, malessere agenti in Questura

Polizia: Fsp-Siulp, malessere agenti in Questura Catanzaro Appello a parlamentari perché parlino con capo Ps e ministro
CATANZARO
(ANSA) – CATANZARO, 4 FEB – I sindacati di polizia Fsp e Siulp, con due note distinte, hanno reso noto di avere lanciato un appello ai parlamentari calabresi affinché si impegnino a trasferire al Capo della Polizia ed al Ministro dell’Interno “il malessere ed il disagio” vissuto dai poliziotti catanzaresi.
Un malessere, secondo Fsp, dovuto “agli atteggiamenti del questore Amalia Di Ruocco”. “Sotto la sua dirigenza, che si perpetua da più di tre anni – afferma il segretario nazionale della Federazione Sindacale di Polizia Giuseppe Brugnano – si sono progressivamente logorate le essenziali forme di saggezza, moderazione e stima reciproca che animano non solo i rapporti gerarchici, ma soprattutto quelli più propriamente umani. La Questura e i Commissariati sono immersi ormai da tempo in un clima di caccia alle streghe che umilia il personale e delegittima i profili dei funzionari”.
Per il segretario generale provinciale del Siulp Gianfranco Morabito, il malessere è dovuto ad “una gestione arrogante, inadeguata e totalmente decontestualizzata dal territorio dal quale provengono continue richieste di sicurezza. Così come oramai facciamo da più di due anni, siamo ancora una volta costretti a denunciare l’incapacità gestionale ed organizzativa con cui vengono predisposti delicati servizi da parte della Questura di Catanzaro”.

Torna su