Richiesta riconoscimento indennità di O.P.

Polizia stradale

                                                                                                         Alla Segreteria Nazionale Siulp
                                                                                                                                                                                                 ROMA

                                                                                                                  (c.a. Segr.Gen. Felice Romano e Segr. Nazionale Fabio Lauri )

Oggetto: Pagamento indennità di O.P. in sede e fuori sede personale della Polizia Stradale impiegato in attività emergenza Covid-                    19. Richiesta intervento Ufficio Rapporti Sindacali e Direzione Servizio Polizia Stradale per chiarimenti urgenti.


Non occorre certamente sottolineare lo sforzo straordinario richiesto alle donne ed agli uomini della Polizia di Stato, sempre in prima linea e maggiormente impegnati in servizi straordinari volti al controllo del rispetto delle limitazioni poste alla libera circolazione dal Governo, il tutto nel serio tentativo di ridurre al minimo la diffusione del virus. Eppure, nonostante tale meritato riconoscimento da parte di tutta la popolazione, nonché – considerata l’eccezionalità della situazione – la regolamentazione affinché siano riconosciuti i giusti e dovuti trattamenti economici accessori (tra i quali anche l’indennità di ordine Pubblico), al personale dipendente la Sezione Polizia Stradale di Catanzaro – sembrerebbe – non essere corrisposta per come disciplinata dal CCNL, nonché dalle circolari esplicative peraltro, concordate con tutte le OO.SS.
Nello specifico, appare inusuale non riconoscere tale indennità come “ORDINE PUBBLICO FUORI SEDE”, per come sancito e previsto dalla normativa ossia “… l’indennità compete per il servizio di ordine pubblico in località poste in comune diverso dalla ordinaria sede di servizio …”. Ulteriore chiarimento era stato fornito con la Ministeriale Prot. Nr. 333-G/Div. 11.2624.02 2501.04/aa.gg. 200 del 17 luglio 2017, ove (a pagina di 3 di 5) viene precisato “… pertanto, nella predisposizione degli incarichi fuori sede, chi dispone il servizio, valutata l’attività e le circostanze in cui si dovrà realizzare, individuerà il trattamento economico da attribuire con l’accortezza che, indipendentemente dall’impiego collettivo od individuale, al personale dovrà essere assicurato lo stesso trattamento economico a parità di situazione operativa …”.
Alla luce di quanto precede, occorre evidenziare che, quasi tutti gli itinerari percorsi dalle pattuglie della POLSTRADA che fanno capo alla Sezione Polizia Stradale di Catanzaro (quindi Sezione Catanzaro, Sottosezione Lamezia Terme e Distaccamento Soverato), stante la conformazione del territorio nonché la tipologia dei servizi espletati (al di fuori dei centri abitati e su arterie stradali di grande collegamento – come precisato in Decreti e Circolari della Direzione Centrale per la Polizia Stradale, nonché da ultimo ribadito con l’accordo siglato tra il Ministero dell’Interno ed ANCI), abbracciano numerosi comuni che non ricadono assolutamente nel “COMUNE OVE HA SEDE L’UFFICIO POLSTRADA”, o meglio gli itinerari percorsi ricadono PER BREVISSIMI TRATTI NEL PREDETTO COMPRENSORIO COMUNALE.
Tale siffatta situazione non fa altro che avallare quanto chiarito con la richiamata circolare del 2017, ove per pochi chilometri e/o pochissimo tempo (rispetto all’intero orario di lavoro) non può essere riconosciuta la medesima indennità di O.P. in sede espletata da dipendenti che espletano tale servizio di eccezionalità nel Comune ove ha sede il Comm.to o la Questura, tanto che da prefigurare una evidente disparità di trattamento. Per puro scrupolo esemplificativo, ma non esaustivo, si rileva che – la pattuglia Polstrada di Catanzaro, in uscita espleta almeno un 90% del proprio turno di servizio, dedicato all’emergenza COVID, “fuori sede”, atteso che l’itinerario di interesse ricade quasi immediatamente in comuni diversi da quello di Catanzaro (es. Tiriolo, Simeri Crichi, Borgia ecc.) – la Polstrada Sottosezione Lamezia Terme, analoga situazione, atteso che l’itinerario di interesse ricade quasi immediatamente in comuni diversi da quello di Lamezia Terme (es. Curinga, Gizzeria ecc), anzi ricadendo addirittura fuori dalla provincia ove ha sede l’Ufficio;
– la Polstrada di Soverato, addirittura per propria conformazione – se non espleta servizio all’interno dell’area Comunale – si trova ad espletare tutto il proprio orario di servizio “fuori sede”.
Per quanto sopra premesso, al fine di uniformare ed affinché – anche al personale della Polizia Stradale – sia correttamente riconosciuta e corrisposta l’indennità di Ordine Pubblico per come disciplinata, ma soprattutto al fine di non creare spiacevoli disparità di trattamento, con la presente si chiede un intervento presso i preposti Uffici Dipartimentali al fine di ottenere un tempestivo ed urgente chiarimento, dissipando ogni irragionevole differente interpretazione.

Catanzaro 10 aprile 2020

                                                                                                                                             Il Segretario Provinciale Generale
                                                                                                                                                          Gianfranco Morabito

La risposta al nostro quesito ci è giunta praticamente quasi in tempo reale e in merito chiarisce la questione così come si può riscontrare leggendo la circolare ministeriale visionabile attraverso il link sotto evidenziato 

logo pdf
Leggi la circolare
Torna su