organo di stampa il quotidiano

Furbetti del vaccino

in Sardegna spunta il nome dell'ex questore di Catanzaro Amalia Di Ruocco

Catanzaro, 8 maggio 2021

CATANZARO – Il nome di Amalia Di Ruocco, ex questore di Catanzaro e attuale viceprefetto in Sardegna, figura nell’elenco delle persone coinvolte nell’inchiesta della Procura di Oristano sui cosiddetti “furbetti dei vaccini”. Si tratta di persone che hanno ottenuto irregolarmente la prima dose di vaccino Pfizer, mentre dovevano ricevere l’AstraZeneca oppure hanno saltato la fila accaparrandosi il siero prima del tempo.

La notizia, anticipata dai quotidiani sardi, è stata confermata all’Ansa dal procuratore di Oristano Domenico Enzo Basso. Di Ruocco, rappresentante del Governo per la Regione Sardegna, si sarebbe spostata da Cagliari a Oristano per ricevere il vaccino.

 
Nessuna delle persone coinvolte è indagata, al momento sono informate dei fatti e la Procura le sta sentendo per ricostruire tutta la catena delle vaccinazioni.

 
Di Ruocco, durante la sua permanenza di tre anni a Catanzaro, a partire dal 2018, ebbe rapporti molto tesi con le organizzazioni sindacali di polizia, maturando una serie di scontri e diverse polemiche.

Sulla vicenda sono intervenuti Giuseppe Brugnano, segretario nazionale della Fsp, e Gianfranco Morabito, segretario provinciale generale del Siulp: «Non possiamo, al momento, esprimere alcun giudizio nel merito, non avendo conoscenza diretta dei fatti e delle singole circostanze. Tuttavia, la vicenda non ci meraviglia affatto poiché la gestione della Questura da parte della Di Ruocco nei tre anni di permanenza a Catanzaro è stata contraddistinta da metodi similari, con assoluta mancanza di rispetto delle regole sindacali e del personale. Purtroppo, il rispetto delle regole era valevole solo per gli altri e non per quanti erano vicini all’ex questore

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su skype
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna su