Criticità nella gestione della Questura - Lettera al Ministro

Questura

AL MINISTRO DELL’INTERNO

 

Egregio Signor Ministro dell’Interno,

 
riteniamo necessario sottoporre alla Sua cortese attenzione l’escalation di drammi che vedono coinvolti, in quanto vittime, gli appartenenti alle FF.OO. di questo Paese e degli appartenenti alla Polizia di Stato in particolare.

La sempre crescente lista dei defunti per suicidio ci induce ad affrontare la questione senza ulteriori rinvii e senza celarsi dietro valutazioni superficiali.

Gli organi di stampa sembra siano solo ora consapevoli che la questione ha assunto un rilievo importante, collocando ciò che avviene nel nostro Paese, solo secondo a quanto avviene in Francia.

Ciò che ci preme evidenziare non è tanto il dato statistico in se e per se, quanto le motivazioni che inducono, nel maggior numero di casi, i nostri Colleghi a porre fine volontariamente alla loro esistenza in vita.

Non è più tempo di minimizzare, come purtroppo si è soliti fare, specie da parte di chi avrebbe il dovere di salvaguardare i propri Amministrati da simili gesta.

La riforma dell’art. 48 del D.P.R. 782/85 allo studio dell’Amministrazione Centrale, potrà certamente aiutare i Colleghi nella comprensione dei loro intimi malesseri, ma ciò non basta a permettere loro a mettere a nudo le proprie difficoltà esistenziali.

E’ molto riduttivo ricondurre le infauste gesta relegandoli a problemi di natura economica o sentimentali. Ben più profonde sono le motivazioni che spingono un essere umano, certamente in una condizione di fragilità psichica, di mettere fine alla propria esistenza.

La comprensione, l’ascolto, l’affidamento a servizi meno impegnativi, potranno agevolare il percorso riabilitativo e rigenerante. Il problema vero, a nostro avviso, è di natura preventiva più che di disimpegno.

Riteniamo, ed in ciò ci conforta anche l’epilogo che ha interessato un Collega a noi molto caro, così come molto apprezzato lo è stato anche per l’Amministrazione: ha pagato lo scotto di dover conciliare la propria appartenenza alla Polizia di Stato per i traguardi di carriera conseguiti nel suo percorso professionale, i suoi impegni lavorativi, i suoi affetti genitoriali con lo stress psico-fisico della lontananza e la previsione di una soluzione ai propri problemi molto lontana nel tempo rispetto alle vissute criticità quotidiane. Se a tutto ciò si somma l’incomprensione dell’Amministrazione nel suo agire quotidiano improntato più alla gestione numerica delle emergenze e non alla comprensione degli stati d’animo, delle esigenze, delle difficoltà anche di natura relazionale, dei carichi di lavoro, del mancato riconoscimento degli apporti meritocratici, della personalità complessiva delle donne e degli uomini in uniforme, il problema è lungi dall’essere affrontato con serietà e competenza.

Ed è per questo motivo che intendiamo sollecitare la Sua autorevole sensibilità di Donna che ha. avuto modo di conoscere dal di dentro i problemi veri del nostro agire quotidiano.

Ed è a Lei, Signor Ministro, che rivolgiamo la nostra preghiera affinché possa Ella stessa farsi promotrice di un’appropriata iniziativa legislativa che possa mettere al primo posto la condizione delle donne e degli uomini in divisa, le loro intime esigenze esistenziali per poter adempiere al meglio alla loro funzione di servizio e recuperare, senza ulteriori effetti, ognuno di noi ad una vita il più normale possibile.

Si, la nostra vita non rispecchia i canoni minimi di normalità e non solo per effetto della tipologia di professione che espletiamo, quanto per la precarietà delle nostre relazioni interne agli Uffici ove trascorriamo il maggior numero delle ore giornaliere e siamo costretti a registrare esempi di becero autoritarismo in sostituzione di espressioni di autorevolezza, il ricorso all’azione disciplinare come strumento di pressione gerarchica a discapito della ricerca dell’efficientamento dei servizi, il mancato accoglimento delle singole aspirazioni non in ragione di chiare ed oggettive esigenze di servizio quanto per mantenere una dipendenza psichica per scelte emozionali più che nell’applicazione di criteri di trasparenza, efficientamento e correttezza gestionale.

Può sembrare pretestuoso avanzare simili evidenze. Siamo profondamente convinti che siffatti aspetti incidono in modo rilevante in ognuno degli Operatori addetti alla Sicurezza dei cittadini, già di per se compito altamente gravoso.

Molta responsabilità in ciò appartiene all’agire dei Rappresentanti periferici dell’Amministrazione, specie in quelle realtà, come quella catanzarese, ove fronteggiare le condizioni di precarietà esistenziale per l’assenza totale di servizi, la mancanza di lavoro, la diffusa povertà, l’oppressione criminale e le scarse prospettive di future positività, necessiterebbe quantomeno di vivere l’ambiente di lavoro non come una negatività ma con l’entusiasmo di offrire il meglio di se stessi per la cosa comune.

 Ed invece, contestazioni disciplinari a iosa peraltro caratterizzate da estremo rigore sia nella fase istruttoria sia in quella decisionale, mancata valutazione delle  proprie aspirazioni prim’ancora che accoglimento delle stesse o, ancor peggio, determinazioni assunte in assenza di criteri oggettivi e codificabili, modificazione in pejus delle note caratteristiche individuali anche in contrasto alle indicazioni provenienti dai Dirigenti preposti, decadimento produttivo dell’apparato, deficienza organizzativa, soppressione di ogni forma assistenziale per le donne e gli uomini in divisa, decadimento della dignità professionale dell’Istituzione Polizia di Stato e di ogni singolo Operatore, non sono altro che il risultato che, ahinoi, siamo costretti a registrare ed a lamentare.

            Non è certo un mistero quale sia la nostra linea di pensiero rispetto alla gestione attuata sin dal suo insediamento dalla Dr.ssa Di Ruocco che si è contraddistinta in parte da un becero burocratese, fine a se stesso ed alieno del buon senso e di ogni logica, ed in parte da procedure inquisitorie che sembrano ispirate a criteri di sopraffazione nei rapporti con il Personale, evidentemente congenite nella propria formazione professionale che sembra proiettata a stabilire una tattica gestionale di tipo ispettivo permanente i cui effetti certamente avranno ricadute negative nel tempo.

Quello che si evidenzia agli occhi di un imparziale osservatore è che il Questore, evidentemente sulla base di preconcetti intellettuali, non dimostra la minima fiducia nei confronti dei propri dipendenti, finanche Funzionari e Dirigenti, né, a dire il vero, appare ricercare un punto di convergenza che le consenta di superare i rapporti conflittuali da lei stessa generati: salvo rare eccezioni sono tutti sospetti collusi e quindi non affidabili. Non è dato sapere se sono scelte ponderate o meno, di certo, riguardando le gestioni dei Questori che l’hanno preceduta negli ultimi venti anni è difficile trovarne qualcuno che possa condividere con la Dr.ssa Di Ruocco lo stesso scarso gradimento del personale. Se si dovesse organizzare un sondaggio non si potrebbe che riscontrare un parere generalizzato di sfiducia a cui certamente aderirebbero pure i Dirigenti e Funzionari anche se si guardano, ma non molto bene, dall’esprimere il loro malcontento.

La naturale conseguenza di un siffatto comportamento non poteva che determinare un clima di terrorismo psicologico e di conseguenza tensione e malumore tra il personale, tormentato anche dallo spauracchio della contestazione di addebiti disciplinari cui il Questore fa ricorso oltre ogni ragionevolezza ed opportunità, evidentemente nell’intento di rafforzare la propria azione prevaricatrice.

Abbiamo oramai speso tutte le nostre energie per farlo comprendere al massimo Rappresentante dell’Amministrazione in questa realtà operativa, confidiamo che le protezioni di cui ha goduto possano essere superate da un’oggettiva verifica delle responsabilità che stanno in capo all’attuale Questore di Catanzaro.

Auspichiamo che la cancrena di oggi possa essere curata alla radice, evitando che soluzioni nefaste possano essere perseguite per l’incapacità dell’Amministrazione di adottare le giuste contromisure.

Potremmo elencare ogni discrasia patita e sofferta dalle donne e dagli uomini della Polizia di Stato di questa provincia.

Le evitiamo di ricostruirLe il nostro percorso sindacale di questi ultimi tre anni – anche perché ogni nostra singola rivendicazione è stata portata all’attenzione dei vertici del Dipartimento proprio perché ne rimanesse traccia documentale – nel corso dei quali abbiamo tentato di rimuovere ogni problema, avanzando proposte e ricercando confronti che altro non hanno prodotto che vuote promesse quando anche danni per le decisioni prese per contrastare e delegittimare il ruolo sindacale.

Non renderemmo comunque onore a chi soffre in silenzio la condizione di degrado realmente diffuso.

Auspichiamo che Ella possa intervenire e fare in modo che la nostra realtà di servizio non venga considerata come luogo di arrivo per chi è prossimo al pensionamento, ovvero per chi ha già raggiunto l’apice della carriera, perché ormai senza entusiasmo, senza voglia di migliorarsi, che è impegnato a conseguire soluzioni formali a discapito della sostanza vera della nostra mission.

Il decadimento del prestigio istituzionale si riflette negativamente anche nel confronto con le altre Istituzioni presenti sul territorio che godono di maggiore consenso e non solo da parte dell’opinione pubblica.

Signor Ministro non sottovaluti questa Nostra sollecitazione, ne va di mezzo la credibilità della nostra azione istituzionale e con essa la dignità professionale di ognuno di noi. Allo stesso tempo vorremmo che Ella possa comprendere come tali situazioni incidono negativamente sulla condizione psico-fisica di ciascuno e non vorremmo essere spettatori assenti di nuove tragedie.

La ringraziamo per la cortese attenzione ed auspichiamo il Suo autorevole quanto atteso interessamento.

Catanzaro 8 gennaio 2020

Il Segretario Provinciale Generale
Gianfranco Morabito

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su skype
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ti potrebbero interessare:

gavel-on-judges-bench_2

necessario ricorrere alla magistratura

Giustizia è fatta!! Il C.d.S. riconosce l’applicazione dell’art. 42 bis D.lgs 151/2001 anche ai poliziotti. Necessario ricorrere alla Magistratura ( Tar e Consiglio Di Stato ) per garantire i diritti

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna su